Sabato, Dicembre 15, 2018

Autore: Govi Canepa
Regia: Riccardo Canepa

Cast: Piero Moggia, Bianca Podesta, Michela Zocco, Vilma Filippone, Carlo Pasero, Flavio Bellinazzi, Maria Luisa Romano

 

La collaborazione di Palmerini con Govi iniziò negli anni ’20 e si protrasse per lunghi decenni e sono da ricordare, tra l’altro, le notissime commedie “Quello bonanima” e “Articolo Quinto”.

L’autore, nato e vissuto in toscana, scriveva i testi in fiorentino e Govi li traduceva in genovese e apportava i necessari adattamenti alla realtà ligure.

“Barba e Cavelli” andò in scena per la prima volta il 9 gennaio 1940 a Biella (per le “prime” si sceglieva sempre una “cittadina di provincia”) ed approdò al Teatro Nuovo di Milano il 24 gennaio dello stesso anno.

Il successo di pubblico e critica fu immediato per la compagnia dove, oltre alla coppia Govi, recitavano anche Iole Gardini e Lina Volonghi. I giornali milanesi del 25 gennaio 1940 riportano la cronaca  di una scelta azzeccata: “…spassoso travestimento della commedia dell’arte…” che peraltro l’autore stesso definiva “pretesto per 3 atti farseschi”.

L’ambientazione originaria a Firenze non aveva certo sofferto della trasposizione a Genova perché le situazioni, i sentimenti e gli spunti comici che offre il testo sono universali e senza tempo.

La scena si svolge nel salotto di una modesta casa di un artigiano, un barbiere, che ha la propria bottega annessa all’appartamento. Dal salotto, infatti, si accede sia alla strada , sia al resto della casa, che alla bottega.

È Attilio, il barbiere, il personaggio chiave della vicenda, uomo semplice, lavoratore, ma con una gran voglia di ridere e scherzare. La moglie Tosca, invece, è incapace persino di sorridere e pensa unicamente al profitto, al guadagno, al risparmio, "ae palanche”.

Unica consolazione del povero Attilio è la figlia Rosa, una ragazza simpatica e sincera che si è innamorata di Beppino, ragazzo di bottega del padre.

Attilio divide il suo tempo tra il lavoro e la casa, ma trova il modo di passare qualche ora con gli amici e soprattutto riesce sempre a organizzare simpatici scherzi con l’aiuto di Clelia la farmacista, sua complice. Ne fanno le spese un po’ tutti: vicini, clienti, conoscenti, ma nessuno serba rancore perché Attilio è un burlone sempre allegro e brioso che conosce i propri limiti ed è la prima vittima della propria ironia.

Purtroppo l’avidità spinge Tosca a proporre un matrimonio d’interesse alla figlia, un matrimonio con il figlio dei padroni di casa. Girolamo e Lina, infatti, sono ricchi ed hanno un unico figlio, un po’ scemo, al quale sono morbosamente attaccati e che ricoprono di eccessive attenzioni.

Hanno persino rifiutato al figlio un matrimonio con una ragazza carina e benestante solo perché il  bisnonno era stato ricoverato in manicomio ed allora…. ecco l’idea! Attilio si fingerà pazzo, ne combinerà di tutti i colori ed i due genitori rinunceranno all’idea di far sposare il figlio a Rosa perché la malattia del padre potrebbe essere ereditaria.

La commedia della pazzia va in scena, la figlia, l’amica Clelia e la vicina di casa Ines saranno gli attori comprimari, gli amici ed i clienti le comparse, la moglie ed i padroni di casa il pubblico ignaro.

Ma qualcosa non funziona, forse la commedia è troppo verosimile, forse Attilio è davvero pazzo, forse ….  e la vicenda volge all’epilogo con continui colpi di scena e situazioni esilaranti.

Attilio saprà essere all’altezza della situazione, fronteggiare le emergenze, risolvere gli intoppi, assicurare l’amore alla figlia?

Spettacoli in cartellone

  • Genovino d'oro 2019 Circolo Mario Cappello Impesa Trasporti di Morucchio – Govi regia di PierLuigi De Fraia Impresa Trasporti Ultima Dimora,
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Compagnia Ramaiolo (IM) Quando il gatto non c’è di Mortimer e Cooke - regia di Alessandro Manera Scritta
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Compagnia Don Bosco (SV) Pua in ti euggi di Luciano Borsarelli regia di Eugenio Rusca Due famiglie
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Compagnia Regione Liguria Regio de Dina di Pietro Valle regia di Silvia Pinceti La vicenda si incentra
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Compagnia Malati Immaginari Che paciugo di Riccardo Canepa regia di Giunio Lavizzari Cuneo Che paciugo ovvero l’Agenzia
    Read More
  • Compagnia Gilberto Govi O dente do giudizio di Govi - Canepa regia di Riccardo Canepa Govi in questa commedia si diverte
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Sipario Cellese (SV) Bastan che seggian furesti di Massimo Valori regia di Cicci Bertorello Agriturismo nell’entroterra ligure
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Compagnia Quelli de ‘na votta Impuscibile anà d’accordiu di Loredana Conti regia di Ivo Pattaro La vita
    Read More
  • KSEIJ DANCE COMPANY Waterfalls di Alekseij Canepa Humus Humanus di Simone Repele Censorship di Alekseij Canepa WATERFALLS Lo spettacolo "Waterfalls",
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 QUELLI CHE IL TEATRO... “mArAvigliA” …nel paese delle meraviglie ALI, emblema di una generazione dalle mille opportunità,
    Read More
  • Genovino d'oro 2019 Teatralnervi Brezza della sera Commedia gustosissima, leggera ed elegante, che si fonda su uno dei meccanismi più
    Read More
  • MUSICALMENTE Quel tipaccio di braccio di ferro Libretto: Mirco Mazzoli e Andrea Cherubino Arrangiamenti Originali: Stefano Guarnieri Regia: Daniela Piga
    Read More